Accesso ai servizi

Lunedì, 20 Luglio 2020

AVVISO PROGRAMMA ATTUATIVO REGIONALE “DOPO DI NOI” FONDO PER L’ASSISTENZA ALLE PERSONE CON DISABILITÀ GRAVE PRIVE DEL SOSTEGNO FAMILIARE


Il beneficiario dell’intervento avrà diritto a usufruire di un progetto personalizzato che potrà prevedere, in ossequio alle direttive regionali, uno o più degli interventi descritti di seguito:

  1. A) percorsi programmati di accompagnamento per l’uscita dal nucleo familiare di origine, anche mediante soggiorni temporanei al di fuori del contesto familiare, o per la deistituzionalizzazione di cui all’art. 3, comma 3, del decreto ministeriale; all’interno della suddetta area sono finanziabili le seguenti tipologie di intervento:
  • percorsi di accompagnamento e sostegno ai familiari condotti da operatori qualificati per sostenerli nella fase di accompagnamento per l’uscita del proprio figlio dal nucleo familiare;
  • interventi di distacco temporaneo da casa con previsione di cicli di weekend fuori casa finalizzati all’accrescimento dell’autonomia e all’apprendimento della gestione delle relazioni interpersonali e del management domestico;
  • percorsi di attività diurne abilitative propedeutici alle fasi residenziali e di conoscenza e condivisione finalizzati alla nascita del gruppo casa anche attraverso la costituzione di ambienti di simulazione della vita quotidiana, percorsi di conoscenza degli ambienti, palestre di vita, esperimenti di 2-3 giorni e di esperienze di convivenze temporanee per verificare la compatibilità tra le persone;
  • percorsi di de-istituzionalizzazione rispettosi dei tempi di adattamento alle nuove condizioni da parte dei diretti interessati.
  • laboratori per l'indipendenza: servizi di sollievo con orientamento alle autonomie, per periodi limitati come week end e soggiorni estivi, per sviluppare capacità di autodeterminazione in ambiente domestico e relazionale;
  • training e sviluppo delle autonomie: sostegno e accompagnamento alle famiglie nel percorso di crescita e acquisizione delle autonomie personali e lavorative dei ragazzi”, anche attraverso attività di housing sociale per creare condizioni di transizione naturale da “durante al dopo di noi”.
  1. B) Interventi di supporto alla domiciliarità in soluzioni alloggiative di cui all’art. 5 comma 4, del decreto (gruppi appartamento/cohousing); nello specifico all’interno della suddetta area, sono finanziabili le seguenti tipologie di intervento:
  • soluzioni abitative (appartamenti protetti) vicini al contesto relazionale e affettivo per avvicinare la persona con disabilità a una dimensione nuova e parallela a quella della famiglia;
  • soluzioni abitative per la preparazione al “DOPO DI NOI”;
  • messa a sistema di progetti di autonomia già consolidati sul territorio a supporto di esperienze di coabitazione già in atto per disabili adulti privi di rete familiare;
  • promozione di vita indipendente per gruppi di persone secondo modelli domestico-familiari diversi da quelli che regolano le strutture residenziali;
  • supporto a soluzioni abitative in contesti rurali o località periferiche connesse a progetti di agricoltura sociale o accoglienza turistica/ristorazione. A tale proposito si precisa che:
    • i servizi finanziabili per l’attivazione delle suddette tipologie possono prevedere spese per assistenza socio assistenziale o socio educativa (personale di supporto quali assistenti personali, educatori etc), spese di affitto locali etc.;
    • le soluzioni alloggiative devono avere capacità ricettiva non superiore a 5 posti letto, requisiti strutturali previsti dalle norme per le case di civile abitazione, rispetto delle misure di sicurezza e di prevenzione rischi, rispetto dei requisiti per l’accessibilità e la mobilità interna, spazi interni tali da riprodurre le condizioni abitative e relazionali della casa familiare;
    • le soluzioni alloggiative gestite dagli Enti del terzo settore devono essere autorizzate a funzionare ai sensi del Decreto del Presidente della Regione 22 luglio 2008, n. 4.
  1. D) Interventi di realizzazione di innovative soluzioni alloggiative dalle caratteristiche di cui all’art.5, comma 4.; sono finanziabili all’interno della suddetta area, le seguenti tipologie di spese:
  • spese di adeguamento e locazione di abitazioni, incluse le abitazioni di origine o gruppi appartamento o soluzioni di coabitazione già in atto che riproducano le condizioni abitative e relazionali della casa familiare. Non sono ricomprese spese per la realizzazione o l’acquisto di nuove costruzioni. I gruppi appartamento e le soluzioni di co-housing sociale non possono avere una capienza superiore a n. 5 posti letto;
  • spese di manutenzione straordinaria per l’adeguamento degli spazi interni;
  • spese per impianti e tecnologie per la domotica sociale;
  • spese per arredi e attrezzature per la vita quotidiana.

Modalità di presentazione delle domande

La domanda, sottoscritta dal beneficiario o da chi ne garantisce la protezione giuridica, dovrà pervenire entro e non oltre le ore 13.00 del giorno 30.09.2020, presso l’Ufficio Protocollo del Comune di residenza del richiedente o anche con PEC all’indirizzo di ciascun Comune.

La domanda dovrà essere presentata esclusivamente compilando l’Allegato al presente Avviso.


Documenti allegati:

Pubblicato da Daniela Murtas il 20/07/2020

Area Tematica: